Come funzionano i bagni chimici

Nei bagni chimici a differenza dei bagni comuni ci si chiede infatti Come funzionano i bagni chimici l’eliminazione delle scorie avviene per via chimica, grazie ad un contenitore con le acque nere al cui interno vengono completamente dissolte Per questo motivo il bagno chimico è ormai un consolidato sostituito del wc di casa durante feste ed eventi, concerti, raduni e nei cantieri edili. Anche in zone turistiche come campeggi o stabilimenti balneari possono essere utili dei bagni di questa tipologia .Esistono diverse tipologie di bagni chimici che si differenziano tra loro per il diverso sistema di funzionamento I bagni chimici che vengono solitamente usati all’interno dei cantieri vengono chiamati anche bagni mobili I bagni mobili classici sfruttano il sistema di una lama d’acciaio. Il contenuto in questo caso di deposita sulla lama e una volta azionata tramite una leva si capovolge per gettare i residui nella vasca di raccolta Altri invece prevedono che l’acqua da utilizzare per lo scarico venga prelevata dalla vasca di raccolta (ovviamente dopo essere stata trattata con appositi prodotti chimici).Il sistema di funzionamento migliore comunque resta quello con la seduta all’inglese dove l’acqua pulita si trova alla base del bagno mobile, azionabile tramite pompe meccaniche a pedale. Questo resta il sistema migliore dal punto di vista igienico dal momento che è impossibile che avvenga il contatto tra il contenuto della vasca e la pelle  In alcuni casi nei bagni mobili sono attrezzati anche con un lavandino, un dispenser con il sapone e, in alcuni casi una zona spogliatoio e una cabina doccia.

Come funzionano bagni chimici classici

Nei bagni chimici utilizzati per gli eventi altre alla versione classica in cui la cisterna si trova dentro la cabina. Come funzionano bagni chimici classici in quanto esistono anche dei bagni con cisterne separate dalle stanza bagno. Ultimamente sfruttando le nuove tecnologie state introdotte nuove tipologie di bagni chimici, stiamo parlando di bagni chimici illuminati all’interno da led tramite pannelli solari, o modelli personalizzabili in grafica o colore. In questo modo si va a creare un vero e proprio “arredo urbano”, o addirittura anche bagni di lusso chiamati Class Toilet. Attenzione alla carta igienica: quella classica, che utilizziamo in casa, potrebbe ostruire il manicotto. Se non disponiamo di un cestino a parte, va allora acquistata una carta igienica specifica per i bagni chimici, che viene completamente dissolta dall’acqua. Un wc chimico è composto sostanzialmente da due serbatoi. Uno destinato allo scarico e uno contenente l’acqua pulita. Entrambi si mantengono igienici grazie all’utilizzo di appositi prodotti chimici che permettono la decomposizione dei fluidi di scarico e limitano la formazione di cattivi odori. Tieni anche presente che esistono due tipologie di bagni chimici: quelli portatili e quelli a sistema integrato. La principale distinzione fra i due sta nel sistema di svuotamento, che ti spiegheremo nel dettaglio più avanti.

 Come funzionano bagni chimici e come si puliscono

Per la pulizia dei sanitari, non utilizzare prodotti della casa. Visto Come funzionano bagni chimici e come si puliscono  Meglio servirsi di detergenti appositi che non rovinano guarnizioni o altre componenti del wc chimico Per quanto riguarda i prodotti chimici, ne esistono di due tipi principali. Gli agenti per dissolvere sono obbligatori e destinati al serbatoio inferiore (nel portatile) o di scarico (nell’integrato). In questo caso, le proporzioni sono circa di 120 ml di prodotto per 3 litri d’acqua. Puoi anche utilizzare un altro prodotto nel contenitore superiore, ossia il serbatoio d’acqua pulita per lo scarico. Non è obbligatorio, ma contribuisce a tenere igienizzato e al riparo da batteri e cattivi odori il wc.

Link Utili:

Una definizione dell’argomento Bagni Chimici  data dalla famosa enciclopedia on line. (Wikipedia)